LA TUA CLASSE IN RELAZIONE

LA TUA CLASSE IN RELAZIONE

Domenica 3 Febbraio 2019

con Carlo Virzi


La patologia di un sistema, sia esso una persona, un gruppo, o un’organizzazione, nasce e si sviluppa laddove la comunicazione tra parti s’interrompe o è distorta.

Paul Watzlawick

Ti è mai capitato di avvertire, percepire, sentire fatica nel relazionarti con la classe?

O far fatica a relazionarti con i bambini di oggi che manifestano modalità di comportamento differenti da quelle dei bambini di 5, 10, 15 anni fa a cui eri abituata?

O di essere stufa di ripetere loro cose già dette, in merito a comportamenti o regole di cui già gli hai ampiamente parlato?

Oppure trovarti a non comprendere specifici atteggiamenti di alcuni alunni e non sapere come relazionarti con loro?

Oppure la sensazione di doverli trascinare a forza e con grande fatica verso un modo di stare in classe che ritieni corretto?

Se ti riconosci in una delle precedenti situazioni, sappi che non è perché i bambini di oggi sono diversi o perché tu non sei capace di relazionarti con loro, ma è perché non c’è un’idea (un progetto) di gruppo classe condivisa dove ognuno (insegnanti e bambini) si prende la responsabilità di portare avanti tale idea.

All’interno di un’idea condivisa possiamo creare una relazione perché ci siamo incontrati su uno stesso piano (siamo sullo stesso terreno) e, cercando assieme un’idea condivisa ci stiamo già relazionando

infatti

Intendiamo per relazione efficace, una condizione di gruppo classe dove bambini e insegnanti manifestano il loro più alto potenziale
nel conseguimento di un’idea comune di gruppo classe.

Sì, proprio così, il primo passo è scoprire un’idea comune fra insegnante e bambini/ragazzi sulla quale intessere e costruire una relazione, creativa, armoniosa e costruttiva.

Dirai: “Sì, adesso decidono i bambini cosa fare?”
No! Non sto dicendo questo! Il problema è che se decidi senza tener conto di ciò che hai di fronte , non potranno ascoltarti perché non siete sullo stesso piano.
Potranno fare una cosa: fare finta. E tu farai tanta fatica.
Quando un’idea è condivisa, e viene perseguita all’interno di una cornice di presupposti e regole condivise, lavorare diventa più semplice e costruttivo.

Dirai: “Sì, ma c’è un programma da seguire, non è che possiamo dedicare tempo a cercare un’idea comune per fare quello che vogliono i bambini!”
Non si tratta di fare ciò che i bambini vogliono ma di fare in modo che possano trovare la loro specifica motivazione
nel fare cosa c’è da fare, nel fare ciò che insieme si decide
Non si tratta di cambiare programma ma di svolgerlo in modo unico, di avere tutti un’alta motivazione rispetto ciò che si sta facendo
in modo che tutti siano d’accordo e responsabili sul procedere.

C’è bisogno di creare una condizione favorevole all’ascolto, al rispetto, all’attenzione, alla calma, dove i bambini non sono costretti, ma attivi, dove hanno uno scopo, un ruolo che li motivi, offrendo il loro specifico contributo.

Se ti interessa creare tale condizione in questo workshop faremo proprio questo. Ed è possibile. È già stato fatto!

COME? In 4 Passi

1. Scegliere la nostra idea comune, la missione della classe
2. Creare le regole necessarie affinché la nostra missione sia protetta
3. Accorgersi di quando usciamo dalla rotta decisa
4. Affrontare i conflitti e le difficoltà interne

TRATTEREMO E IMPAREREMO

  • Come creare assieme ai bambini un terreno comune su cui muoversi, un’idea, un progetto, una missione, tenendo conto di dati di realtà, come ad esempio il programma
  • Come creare assieme ai bambini una cornice di regole e presupposti condivisi, motivati, motivanti e addirittura entusiasmanti
  • In che modo possiamo far sì che i bambini possano accorgersi delle proprie azioni e a dove esse portano, per poter essi stessi scegliere ciò che per loro e per gli altri è più utile e costruttivo, anziché essere guidati da abitudini limitanti, proprie e dell’ambiente
  • In che modo trasformare un momento di difficoltà o di conflitto in occasione di apprendimento per tutti, e sostituire alla ricerca del colpevole la ricerca di una soluzione e nuova visione.
  • Discernere fra dati di realtà e interpretazione: in che modo può esserci enormemente utile comprendere questa distinzione
  • Utilizzare il linguaggio in modo da essere veri, coerenti ed efficaci

CONDUCE

Carlo Virzi, da più di 20 anni conduce laboratori di consapevolezza con i gruppi classe nelle scuole dell'infanzia, primaria e secondaria di 1° grado.
Inoltre, effettua interventi individuali di musicoterapia nelle scuole e dal 2006 lavora come musicoterapeuta presso il CDD di Mozzate.

Nel 2006 è ideatore del “Progetto NINNE”, progetto di musicoterapia nei reparti di pediatria, realizzato assieme ad altri musicoterapeuti e rimasto attivo con cadenza bisettimanale per 4 anni presso il reparto di pediatria dell’ospedale di Saronno, più interventi sporadici presso l’ospedale di Pavia e l’ospedale Sacco di Milano.

Dal 2010 conduce formazioni rivolte alle insegnanti (infanzia, primaria e secondaria di 1° grado).
Nel 2015 nasce Attoeducativo (apri la pagina Facebook) con lo scopo, attraverso video, pubblicazioni e il web , di divulgare e condividere scoperte, strategie efficaci e altro materiale nato ed elaborato nei 20 anni di lavoro nelle scuole. Nel 2016 è co-fondatore della TRE counseling accademy.

DATE

Il Workshop si svolgerà Domenica 3 Febbraio 2019 dalle 10.00 alle 17.30

SEDE

Lyceum, Via Calatafimi, 10 – 20122 Milano

COSTO

100,00 Euro, comprensive di assicurazione e materiali.
80,00 Euro – Prezzo riservato a diplomati Formazioni Lyceum e Soci 2018


HAI LA CARTA DEL DOCENTE?

Puoi pagare questo corso utilizzando il bonus della carta del docente. Vai su https://cartadeldocente.istruzione.it/ e genera un buono dell’importo previsto scegliendo la tipologia “FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO” – “Enti accreditati/qualificati ai sensi della Direttiva 170/2016”. Il PDF del buono generato potrà essere allegato nell’apposita sezione del Form di iscrizione Online.

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Chiamaci al numero 02/2316 8407 o clicca su “contattaci” per aprire il form. 

ATTESTATO

Verrà rilasciato un attestato di frequenza valido per l’aggiornamento a tutti i partecipanti.