Percorso didattico Formazione Triennale in Danzaterapia Clinica di Lyceum Academy Milano

Corso di Danzaterapia Clinica riconosciuto APID - MILANO ITALIA

IL PERCORSO DIDATTICO

DELLA FORMAZIONE IN DANZATERAPIA CLINICA DI LYCEUM


CORSO DI DANZATERAPIA CLINICA DI LYCEUM ACADEMY

L’intero piano di studi della Formazione Triennale in Danzaterapia Clinica LYCEUM è in linea con gli orientamenti europei ed è riconosciuto dalle direttive dell’A.P.I.D. (Associazione Professionale Italiana DanzaMovimentoTerapeuti)

Al conseguimento dell’Attestato Finale il diplomato potrà iscriversi al Registro Professionale Nazionale APID.

La Formazione Triennale in Danzaterapia Clinica prevede la frequenza obbligatoria ad un triennio di 1500 ore divise in:

  • Lezioni in presenza
  • Lezioni online
  • Tre tirocini di conduzione con utenze diverse (infanzia, adulti, anziani)
  • Supervisione

L’offerta formativa è strutturata in unità didattiche che integrano aspetti teorici ed applicativi.


chi può diventare DANZAterapeuta?

Saranno ritenuti titoli preferenziali:
• Diplomi e attestati di frequenza rilasciati da Scuole e Formazioni in Danza Contemporanea, anche all’estero;
• Laurea in Psicologia, Medicina, Scienze dell’Educazione, Lettere e Filosofia;
• Laurea Triennale nei settori Socio-Sanitari;
• Comprovata esperienza di pratica e insegnamento di Danza, Teatro Danza, Discipline del Movimento.

Inoltre sono ritenute esperienze qualificanti:
• svolgere attività di volontariato in ambiti socio-sanitari;
• svolgere attività lavorative in ambiti socio-sanitari;
• aver affrontato una psicoterapia personale;
• svolgere o aver svolto attività coreutica e del movimento, anche come dilettante.
La frequenza a seminari o percorsi di Danzamovimentoterapia di qualunque orientamento sarà ulteriore elemento di valutazione positiva.


PIANO DI STUDI DANZATERAPIA CLINICA

Il nostro Piano Didattico di Danzaterapia Clinica si articola nel corso dei tre anni in modo da assicurare un apprendimento graduale e coerente con lo svolgimento dei tirocini previsti:

• Il primo anno è dedicato prevalentemente all’infanzia,
• Il secondo riguarda il mondo dell’adolescenza e della disabilità,
• Il terzo infine approfondisce diversi tipi di utenza adulta.

Il monte ore complessivo del Triennio in Danzaterapia Clinica di Lyceum Academy è di 1400 ore.

PRIMO ANNO:

L’Infanzia e lo Sviluppo del Bambino saranno l’oggetto di studio e di approfondimento di questa prima annualità; seguiremo i paradigmi teorici attualmente più accreditati, quali l’Infant Research, gli Studi sull’Attaccamento, la Teoria della Regolazione Affettiva le Teorie dello Sviluppo Cognitivo. Sulla base degli aspetti teorici affrontati e attraverso le Applicazioni Cliniche dedicate, verranno prese in considerazione e sviscerate le caratteristiche dei percorsi di Danzaterapia Clinica rivolti all’infanzia.

Si metteranno a fuoco le origini storiche e i principali aspetti pratici, teorici e simbolici caratterizzanti l’approccio della Danzaterapia Clinica “DanceCare”. Attraverso la presentazione del nostro sistema di teorie e la diretta partecipazione ai diversi percorsi metodologici esperienziali, si farà in modo che ogni studente interiorizzi una base solida e sicura, che potrà sostenere i futuri percorsi di conduzione.

DANCE CARE (144 ORE)
METODOLOGIA DZT 1

Il percorso metodologico esperienziale, offerto nelle lezioni di Metodologia della Danzaterapia Clinica, è l’occasione per vivere, interiorizzare e apprendere la nostra Metodologia di osservazione e di conduzione.

SUPERVISIONE

A fine anno, si darà vita, all’interno dell’ambito protetto della Classe, a un Tirocinio simulato di conduzione, con successiva Supervisione.
Verranno quindi focalizzati e implementati i principali aspetti progettuali e metodologici che ci aiuteranno a preparare la nostra prima conduzione, preceduta da opportuna Osservazione, in programma al principio del Secondo Anno, nella Scuola dell’Infanzia (bambini di 5 anni).

ELEMENTI DI LABAN MOVEMENT ANALYSIS 1

Laban Movement Analysis.
In una modalità tutta esperienziale e organica, verranno messi a fuoco i punti cardine di questo complesso sistema di osservazione del movimento umano, a completamento delle modalità osservative proprie della nostra Metodologia.

METODOLOGIA DZT E SETTING

Si evidenzieranno gli Elementi e gli Strumenti della Metodologia della Danzaterapia Clinica, collocandoli nello spazio protetto e sicuro del nostro setting.

TEORIE E PRATICHE DELL’OSSERVAZIONE IN DZT

Verrà messo a fuoco ciò che ciascun Danzaterapeuta Clinico è chiamato a osservare, nella conduzione dei gruppi di utenti, e soprattutto, di come lo farlo. La pratica osservativa è, infatti, un caposaldo della Metodologia della Danzaterapia Clinica.

PROGETTAZIONE E TEORIA DELLA DZT

Si imparerà a scrivere un progetto di Danzaterapia Clinica, comprendendo, a seconda delle utenze a cui ci rivolgiamo, su che cosa occorra focalizzarsi, per applicare nel modo più funzionale la nostra Metodologia.

DANZ’ART

Danz’Art, un’esperienza di integrazione.
Un’incontro tra Arteterapia e Danzaterapia Clinica, per riflettere sul proprio corpo in movimento e sulle imagini interne che, così, si costruiscono, prendendo vita e forma.

LA DANZA CHE GIOCA

Quali differenze e quali somiglianze, tra la Danzaterapia Clinica e il Gioco Danza e la Propedeutica?
Quali elementi di queste ultime entrano, di diritto, nella nostra pratica e quali, viceversa, devono esserne escluse?
In questa giornata intensiva andremo a scoprirlo, e a sperimentarlo.

Il seminario “La Danza che gioca”, prevede il rilascio di un attestato.

TIROCINIO SIMULATO

Ciascuno studente proporrà ai compagni una piccola conduzione di Danzaterapia Clinica, nella sua applicazione all’infanzia di Danza Creativa, nell’idea di cominciare a sperimentarsi nel ruolo, in un ambito protetto e noto. Tutto il lavoro verrà supervisionato, in aula.

TEORIE (64 ORE)
PSICOLOGIA DINAMICA 1

Psicologia dinamica ed evolutiva.
In vista del primo tirocinio di conduzione, dedicato ai bambini, ci si concentrerà sulla psicologia dell’età evolutiva e sulla teoria dell’attaccamento. Le lezioni teoriche saranno affiancate da esercitazioni pratiche che permetteranno di interiorizzare e padroneggiare sempre meglio i concetti appresi.

NPI 1      

Neuropsichiatria Infantile, handicap ed adolescente.
Introduzione al percorso di lezioni pre-registrate che si concluderà nel II anno.
Nelle lezioni di neuropsichiatria che si svolgono fra il primo e il secondo anno, verranno affrontati tre temi principali: bambino, handicap ed adolescente, analizzando gli aspetti peculiari e le patologie che possono insorgere in questi ambiti. Ciò sarà particolarmente utile per affrontare il primo e secondo tirocinio, dedicati appunto a queste tre utenze.

SVILUPPO PSICOLOGICO INFANTILE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO

Psicologia dell’Età Evolutiva, Pattern di Movimento nell’Infanzia.

  • I modelli evolutivi psicodinamici.
  • La svolta dell’INFANT RESEARCH.
  • Le teorie dell’attaccamento.
  • La prospettiva Gestaltica.
MUSICA (12 ORE)
MUSICA E MUSICALITA’ 1

Musica e Musicalità.
Introduzione all’uso della Musica, anche nei suoi aspetti strutturali e teorici, come strumento fondamentale della nostra Metodologia della Danzaterapia Clinica.

ANATOMIA (20 ORE)
ANATOMIA DEL MOVIMENTO e CHINESIOLOGIA

Anatomia del Movimento e Pattern di Movimento nell’Infanzia. Il percorso si propone di avvicinarci alla struttura e alla funzionalità del nostro corpo “dall’interno”, e tramite la nostra esperienza individuale soggettiva.

FAD (65 ORE)
FORMATIVO – PROFESSIONALIZZANTE

Sulla piattaforma di formazione a distanza (FAD), gli allievi avranno accesso a una serie di risorse didattiche che includono le dispense delle lezioni svolte e lezioni pre-registrate sui moduli teorici. Questo materiale è progettato per facilitare l’apprendimento autonomo e permettere agli allievi di gestire il loro studio in modo flessibile. Questa modalità di apprendimento assicura che ogni studente possa approfondire i contenuti didattici secondo i propri ritmi e necessità, rafforzando la comprensione dei temi trattati e migliorando la preparazione per le sessioni d’esame e i tirocini.

 

SECONDO ANNO:

L’Handicap e l’Adolescenza saranno l’oggetto di studio e di approfondimento di questa seconda annualità; e la psicoanalisi e l’intersoggettività, assieme alle più accreditate e recenti teorie psicologiche e psichiatriche e alle Applicazioni Cliniche dedicate sosterranno la comprensione degli aspetti di fragilità e di patologia caratterizzanti le utenze che si incontreranno nel II tirocinio di Danzaterapia Clinica.

Si continueranno ad approfondire gli aspetti pratici, teorici e simbolici caratterizzanti l’approccio della Danzaterapia Clinica “DanceCare”. Attraverso la presentazione del nostro sistema di teorie e la diretta partecipazione ai diversi percorsi metodologico esperienziali, ogni studente proseguirà il suo percorso di interiorizzazione della nostra Metodologia, con particolare attenzione, grazie ai Tirocini che si cominceranno a implementare, alla costruzione del proprio ruolo terapeutico, sia nell’Osservazione che nella successiva Conduzione.

DANCE CARE (293 ORE)
METODOLOGIA DZT 2

Il percorso metodologico esperienziale, offerto nelle lezioni di Metodologia della Danzaterapia Clinica, è l’occasione per vivere, interiorizzare e apprendere la nostra Metodologia di osservazione e di conduzione.

Non solo, é anche lo strumento per cominciare a costruire il proprio ruolo osservativo e terapeutico.

SUPERVISIONE

Nel corso di questa annualità, lo studente è chiamato a progettare e a condurre due percorsi di Tirocinio, mettendo in pratica la Metodologia della Danzaterapia Clinica appresa fin qui.

Il primo percorso, Osservativo e di Conduzione (7+8 incontri), è rivolto a bambini normodotati, frequentanti l’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia (bambini di 5 anni).

Il secondo percorso è rivolto a utenza con handicap, oppure, a utenza adolescente, oppure, a utenza adolescente con handicap (10 incontri).

La Supervisione dei suddetti percorsi si svolgerà secondo due modalità differenti e integrate:

  • Supervisione individuale: grazie alla nostra Piattaforma FAD e tramite lo strumento delle Note di Processo (piccole relazioni di ciascuna sessione di Tirocinio);
  • Supervisione di gruppo, in aula, supportata dalla visione e dall’analisi delle videoriprese delle sessioni di Tirocinio che ciascuno studente avrà avuto cura di effettuare.
ELEMENTI DI LABAN MOVEMENT ANALYSIS 2

Laban Movement Analysis.
In una modalità tutta esperienziale e organica, verranno messi a fuoco i punti cardine di questo complesso sistema di osservazione del movimento umano, a completamento delle modalità osservative proprie della nostra Metodologia.

IL CORPO RELAZIONALE

Il Corpo Relazionale, nello Spazio e nel Tempo.

Un percorso intensivo, dove verrà messo l’accento sulle potenzialità del nostro corpo, delle nostre emozioni e dei nostri affetti, visti come specifici strumenti di presa in carico e di cura alla persona.

Il seminario “Il Corpo Relazionale”, prevede il rilascio di un attestato.

DINAMICHE DI GRUPPO

Riferimenti alle teorie sui gruppi, ai fattori curativi di un gruppo, all’analisi transazionale.
Definizione dei processi che si verificano all’interno di un gruppo e degli aspetti che lo caratterizzano e lo mantengono in vita.

TRAINING AUTOGENO

Il Training Autogeno è una tecnica di distensione psicofisica creata dal neurologo e psichiatra J.H. Schultz.

L’obiettivo della tecnica è quello di favorire lo stato di benessere e la gestione dello stress e della stanchezza, recuperando le energie e la capacità di gestire le tue emozioni, anche quelle spiacevoli, nonché la possibilità di attivare un sano dialogo interiore che ti può aiutare a sperimentarti in modo costruttivo con te stesso e con gli altri.

TIROCINIO e STESURA DOCUMENTAZIONE TIROCINI

Nel primo tirocinio, attraverso l’Osservazione, gli allievi si concentreranno sulle dinamiche di interazione dei gruppi. Successivamente, nella fase di
Conduzione, saranno progressivamente in grado di prendere in mano le redini delle sessioni, applicando le conoscenze teoriche e le abilità
osservate e sviluppate durante la prima esperienza e nelle lezioni di metodologia.
Questo processo di apprendimento graduale è essenziale
per formare terapeuti competenti e sicuri del proprio ruolo all’interno di un contesto terapeutico.

TEORIE (120 ORE)
PSICOLOGIA DINAMICA 2

Approfondimento sulla prospettiva relazionale e sui meccanismi che regolano l’empatia, uno dei principali fattori su cui si basa la relazione fra arteterapeuta e utenti.

Attraverso lezioni teoriche ed esercitazioni su casi clinici, verranno trattati diversi autori fra i quali Sullivan, Kohut, Siegel e la prospettiva della neurobiologia relazionale, Gallese e il funzionamento dei neuroni specchio.

Questi ultimi hanno un importante ruolo nei meccanismi che regolano l’empatia, nell’attivazione corporea e nelle emozioni che si manifestano durante i processi artistici, il loro studio aiuta dunque a comprendere meglio l’esperienza arteterapeutica dal punto di vista delle Neuroscienze.

NPI 2

Neuropsichiatria Infantile e Handicap; Adolescenza, Crisi evolutiva e complicazioni psicopatologiche.
Studieremo, qui, tutte le differenti patologie che riguardano aspetti organici, ritardi mentali e sindromi genetiche.
Per quanto riguarda l’Adolescenza, osserveremo come si manifesta questa complessa età dell’uomo, e quali ne sono le possibili involuzioni.

DIPENDENZE

La Dipendenza patologica.
Una panoramica sui differenti tipi di abuso, sugli effetti delle principali sostanze, sulle caratteristiche delle persone con dipendenza patologica.

DISTURBI ALIMENTARI

I disturbi del Comportamento Alimentare.
Teorie di riferimento e classificazione dei disturbi, con un approfondimento sui DCA in adolescenza.

APPLICAZIONI CLINICHE (16 ORE)
APPLICAZIONI CLINICHE

Applicazioni cliniche con bambini, dipendenze, disturbi alimentari e handicap.

Presentazione di percorsi di Danzaterapia Clinica nell’età infantile e di modalità di applicazione clinica della nostra pratica con questa utenza.
Presentazione teorica e sperimentazione pratica di percorsi di Danzaterapia Clinica nell’Handicap, nei Disturbi del Comportamento Alimentare,
nella Dipendenza patologica.
Saranno presentate le modalità di Applicazione Clinica della nostra pratica con queste utenze.

MUSICA (12 ORE)
MUSICA E MUSICALITA’ 2

Musica e Musicalità.
Introduzione all’uso della Musica, anche nei suoi aspetti strutturali e teorici, come strumento fondamentale della nostra Metodologia della Danzaterapia Clinica.

FAD (73 ORE)
FORMATIVO – PROFESSIONALIZZANTE

Sulla piattaforma di formazione a distanza (FAD), gli allievi avranno accesso a una serie di risorse didattiche che includono le dispense delle lezioni svolte e lezioni pre-registrate sui moduli teorici. 

 

TERZO ANNO:

L’Età Adulta, diversamente affetta da patologie e disagi, e quella Anziana saranno l’oggetto di studio e di approfondimento di questa nostra terza e ultima annualità. Come sempre, la psicoanalisi e l’intersoggettività, assieme alla psicopatologia, alla fenomenologia e alle neuroscienze, oltre che alle Applicazioni Cliniche dedicate, sosterranno la comprensione dei differenti e variegati aspetti patologici e/o di disagio esistenziale che caratterizzano le utenze che si incontreranno nel III tirocinio di Danzaterapia Clinica.


Si continueranno ad approfondire gli aspetti pratici, teorici e simbolici propri dell’approccio della Danzaterapia Clinica “DanceCare”. Attraverso la presentazione del nostro sistema di teorie e la diretta partecipazione ai diversi percorsi metodologici esperienziali, ogni studente proseguirà il suo processo di interiorizzazione della nostra Metodologia, con particolare attenzione, grazie all’ultimo e più impegnativo Tirocinio, al consolidamento del proprio ruolo terapeutico, sia nell’Osservazione che nella successiva Conduzione.

DANCE CARE
METODOLOGIA DZT 3

Il percorso metodologico esperienziale, offerto nelle lezioni di Metodologia della Danzaterapia Clinica, è l’occasione per vivere, interiorizzare e apprendere la nostra Metodologia di osservazione e di conduzione, e di cominciare a costruire il proprio ruolo osservativo e terapeutico.

SUPERVISIONE

Nel corso di quest’ultima annualità, lo studente è chiamato a progettare e a condurre un percorso di Tirocinio della durata di 25 incontri, mettendo in pratica la Metodologia della Danzaterapia Clinica e dando forza e solidità al proprio ruolo terapeutico.
Questo percorso è rivolto a utenza adulta e/o anziana, variamente connotata da patologie, difficoltà, disagi e condizioni; sarà a partire da un Caso Clinico scelto all’interno del percorso che lo studente costruirà, poi, la sua Tesi di diploma.
La Supervisione del suddetto percorso, come di consueto, si svolgerà
secondo due modalità differenti e integrate:

  • Supervisione individuale: grazie alla nostra Piattaforma FAD e tramite lo strumento delle Note di Processo;
  • Supervisione di gruppo, in aula, supportata dalla visione e dall’analisi
    delle videoriprese delle sessioni di Tirocinio che ciascuno studente
    avrà avuto cura di effettuare.

Nel corso di questa annualità, lo studente è chiamato a progettare e a condurre due percorsi di Tirocinio, mettendo in pratica la Metodologia della Danzaterapia Clinica appresa fin qui.

ELEMENTI DI LABAN MOVEMENT ANALYSIS 3

Laban Movement Analysis.
In una modalità tutta esperienziale e organica, verranno messi a fuoco i punti cardine di questo complesso sistema di osservazione del movimento umano, a completamento delle modalità osservative proprie della nostra Metodologia.

MOVIMENTO AUTENTICO

Uno studio di base sul metodo, e una possibilità per gli allievi di fornire materiale alla ricerca personale sulle radici profonde delle proprie modalità espressive attraverso il movimento.
Ci sarà una parte introduttiva teorico e una pratica, e si sperimenteranno alcune forme della “ground form”.

CENTERING

Attraverso una lezione teorica ed esperienziale si apprenderanno tecniche corporee di regolazione delle emozioni, utili nella pratica professionale e nella gestione dello stress che potrebbe insorgere nelle professioni di cura.

La lezione prevede il rilascio di un attestato.

IL METODO DBT

Concetto fondamentale di questo approccio terapeutico cognitivo comportamentale, molto ben integrabile con la pratica della Danzaterapia Clinica, è quello di dialettica, e quindi, di processualità e di potenziale cambiamento. Non è interessante, infatti, mirare al mantenimento di una stabilità rigida, quanto promuovere la capacità soggettiva di stare nel disequilibrio.

Il seminario “Il Metodo DBT”, prevede il rilascio di un attestato.

TEORIE (88 ORE)
PSICOLOGIA DINAMICA 3

Approfondimento sul tema del trauma e sui concetti di resilienza, dissociazione, trauma primario, occasionale e cumulativo e PTSD.
Verranno trattati diversi autori fra i quali Janet, Ferenczi, Kalshed. Anche nel terzo anno, le lezioni teoriche saranno affiancate da esercitazioni pratiche che permetteranno di interiorizzare e poter applicare all’analisi di casi clinici i concetti appresi.

DISAGIO PSICHICO E RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

Cornice teorica e riflessione sull’approccio umanistico alla psichiatria, che vede l’uomo al centro dell’indagine. Il disagio psichico e gli aspetti psicopatologici legati a percezione, pensiero, coscienza, volontà, affettività. Modelli di riabilitazione psichiatrica.

L’ANZIANO E PATOLOGIE DEGENERATIVE

L’utenza Anziana, sana e patologica; le patologie degenerative.
Cenni di Psicogeriatria. Sindromi geriatriche, depressione e demenze nella Terza Età. Riabilitazione.

APPLICAZIONI CLINICHE (32 ORE)
APPLICAZIONI CLINICHE

Presentazione di percorsi di Danzaterapia Clinica nelle diverse tipologie d’utenza.
Saranno analizzati nell’utenza Anziana, nel Disagio Psichico, nella coppia Mamma-Bambino, nella Dipendenza Affettiva e nel Trauma, nella
Malattia di Parkinson, nei Sordi e nell’utenza oncologica.

Saranno presentate le modalità di Applicazione Clinica della nostra pratica con queste utenze (in presenza e online).

MUSICA (12 ORE)
MUSICA E MUSICALITA’ 3

Musica e Musicalità.
Introduzione all’uso della Musica, anche nei suoi aspetti strutturali e teorici, come strumento fondamentale della nostra Metodologia della Danzaterapia Clinica.

FAD (65 ORE)
FORMATIVO – PROFESSIONALIZZANTE

Sulla piattaforma di formazione a distanza (FAD), gli allievi avranno accesso a una serie di risorse didattiche che includono le dispense delle lezioni svolte e lezioni pre-registrate sui moduli teorici. 


COME SI ARTICOLA IL PERCORSO DIDATTICO DI DANZATERAPIA CLINICA

corso di danzaterapia

CALENDARIO E ORARI DELLA FORMAZIONE
La Formazione prevede tre anni a frequenza obbligatoria. Le lezioni si svolgono nel fine settimana, dalle ore 10.00 alle 17.30 con un intervallo per il pranzo.
Il primo anno di formazione inizia a Novembre, mentre per i successivi le lezioni riprendono entro le prime settimane di settembre.
L’Anno Formativo 2024-25 inizierà a Novembre 2024.

GIORNATE DI FORMAZIONE IN PRESENZA e ONLINE

Sono previste lezioni teoriche e pratiche, in presenza e online, attraverso le quali verrà definito il quadro teorico di riferimento, la metodologia della Danzaterapia Clinica “DanceCare”, e le Applicazioni Cliniche riferite alle
diverse tipologie d’utenza.

PERCORSI DI DANZATERAPIA CLINICA “DanceCare”

Si tratta di percorsi esperienziali condotti da differenti Danzaterapeuti Clinici, dove ognuno ha modo di sperimentare personalmente la pratica della Danzaterapia Clinica e la condivisione della propria esperienza all’interno del gruppo classe.

SUPERVISIONE

In ognuno dei tre tirocini lo Studente verrà affiancato da un’équipe di Supervisione, che si interfaccia con gli allievi sia attraverso lezioni di Supervisione, sia con una costante comunicazione volta a monitorare l’andamento del tirocinio e ad affrontare eventuali dubbi o difficoltà specifiche.
I Supervisori seguono in itinere gli Studenti tramite la lettura di Note di Processo, redatte dopo ogni sessione di Tirocinio, tramite il nostro sistema FAD (Formazione a Distanza).
Le esperienze di Tirocinio vengono poi condivise e analizzate nelle lezioni di Supervisioni, in gruppo, calendarizzate con cadenza mensile.

CORSI TEORICI MISTI E FAD (Formazione A Distanza)

Sistema informatico appositamente creato per:

  • video lezioni su argomenti teorici e relative dispense
  • documentazione per le attività di Tirocinio
  • caricamento esercitazioni
  • inserimento note di processo, casi clinici relativi ai tirocini e scambio di comunicazioni tra i tirocinanti e l’Equipe di Supervisione di riferimento.

TIROCINIO

La Formazione Triennale in Danzaterapia Clinica di Lyceum Academy prevede un Tirocinio didattico obbligatorio, che permette allo Studente di sperimentarsi nei diversi ambiti di applicabilità dei trattamenti.

Nel corso della prima annualità, sono previsti, diversi momenti di simulazione di conduzione, con Supervisione, all’interno del gruppo classe, per la messa a fuoco degli aspetti organizzativi e metodologici del nostro lavoro.
Il primo Tirocinio effettivo, al principio del secondo anno, si rivolge all’area dell’Infanzia, e prevede un percorso Osservativo, che focalizza il nostro sguardo sui ‘modi’ di movimento, azione e relazione dei bambini.

A questa prima esperienza Osservativa (4 incontri), la cui importanza è fondamentale, per l’acquisizione di un preciso ‘vocabolario’ cinetico e relazionale, succederà la prima esperienza di Tirocinio di Conduzione (8
incontri), con un piccolo gruppo, scelto tra i bimbi precedentemente osservati.

Una seconda esperienza di Conduzione (8 incontri), sempre nel corso della seconda annualità, metterà lo Studente a contatto con le problematiche dell’Handicap e dell’Adolescenza.

Il Tirocinio del terzo anno (20 incontri), infine, si concentrerà sull’Età Adulta, e su tipologie di utenza quali quelle rappresentate dal disagio psichico grave, dall’etnopsichiatria, dalle tossicodipendenze, dalle malattie degenerative
nell’anziano, eccetera.

I Tirocini si potranno svolgere presso Strutture ed Enti già convenzionati con Lyceum Academy, o verranno attivate nuove convenzioni sul territorio, in base al luogo in cui lo Studente vive e/o lavora, spesso collocato al di fuori dell’area milanese.

Durante lo svolgimento dei tirocini, ogni Studente viene accompagnato e monitorato individualmente, con il Sistema di Formazione a Distanza (FAD), tramite l’invio delle Note di Processo delle singole sessioni condotte. Gli incontri
di Supervisione di gruppo che si tengono in aula permettono agli allievi di condividere esperienze, presentare casi e ricevere ulteriori indicazioni dai supervisori in un contesto collettivo. La combinazione di feedback individuale
a distanza e di gruppo è essenziale per sviluppare competenze terapeutiche solide e per affrontare le sfide pratiche e teoriche del lavoro terapeutico.

Lo Studente, nella ricerca delle sedi di Tirocinio, ha la possibilità di costruirsi una vera e propria rete sul proprio territorio di riferimento. Una volta inserito, come Tirocinante, nelle diverse strutture convenzionate, ha l’occasione di entrare in contatto e di collaborare con gli staff dei Servizi, di partecipare alle riunioni d’équipe, e di condividere il proprio punto di vista sull’andamento dei progetti terapeutici.

Al termine di ogni percorso di Tirocinio, è sempre prevista una relazione scritta per l’Ente ospitante.
La nostra Formazione propone un percorso che risponde ai più elevati standard europei, e che prevede che la figura professionale in uscita sia definita, per questo, e a pieno titolo, Danzamovimentoterapeuta,
come da direttive A.P.I.D. (Associazione Professionale Italiana DanzaMovimentoTerapeuti).

TESI

La Tesi prevede la rielaborazione di uno o più casi clinici individuati durante il proprio percorso di Tirocinio, con l’approfondimento di temi teorici correlati a tale esperienza.
La discussione finale avverrà in presenza di una Commissione di Esperti.

corso di danzaterapia


LA FIGURA PROFESSIONALE DEL DANZATERAPEUTA

Il Danzaterapeuta Clinico è una figura professionale specifica, che utilizza teorie e pratiche finalizzate alla promozione umana e della qualità della vita.
A seconda delle utenze prese in carico, gli scopi dell’intervento possono configurarsi come preventivi, educativi, riabilitativi, psicopedagogici e clinici. Tutti gli interventi prevedono l’uso sistematico di pratiche corporee e
coreutiche, espressive e creative, inquadrate all’interno delle diverse aree concettuali e teoriche di riferimento.

Quella del Danzaterapeuta Clinico è una figura ormai normata dalla Legge 4/2013, che regolamenta le Professioni non organizzate, e sempre più valorizzata all’interno di strutture educative, assistenziali e sanitarie. La
nostra offerta formativa triennale è strutturata in specifiche e integrate Unità Didattiche, che coniugano gli aspetti teorici e applicativi necessari a raggiungere una preparazione congrua ed esaustiva all’esercizio della
professione di Danzaterapeuta Clinico.

Nel corso di ogni anno formativo, vengono implementate giornate aperte anche al pubblico esterno, valide per l’aggiornamento degli insegnanti e per la formazione continua dei professionisti A.P.I.D. (Associazione Professionale
Italiana DanzaMovimentoTerapeuti).


COMPETENZE PROFESSIONALI DEL DANZATERAPEUTA

La Formazione Triennale in Danzaterapia Clinica si pone l’obiettivo di formare una figura professionale che abbia le seguenti competenze:

  • conosce il linguaggio corporeo e coreutico, e la Metodologia di Danzaterapia Clinica “DanceCare”;
  • conosce il processo creativo e le sue implicazioni sul piano emotivo, psicologico, cognitivo, simbolico, relazionale;
  • conosce e maneggia il quadro teorico di riferimento, ed è in grado di applicarlo ai diversi ambiti clinici;
  • modula e impiega le sue competenze nei diversi ambiti di intervento (sostegno, prevenzione e orientamento, riabilitazione, clinica), e con diverse modalità organizzative degli incontri (incontri individuali e di gruppo), come Terapeuta primario, o in affiancamento;
  • si assume la responsabilità della relazione terapeutica, formulando progetti di intervento differenziati a seconda dei bisogni preventivi, educativi, riabilitativi o terapeutici dell’utenza;
  • svolge il proprio intervento, osservando e riflettendo sugli accadimenti, facendo riferimento a modelli teorici che permettano di inquadrare e decodificare gli avvenimenti della seduta svolta con l’/gli utente/i;
  • mantiene l’impegno di Supervisione periodica e continua, per accrescere le proprie capacità di lavoro, e per garantire che il suo intervento risulti quanto più depurato da problematiche proiettive possibile; è tenuto alla Formazione Permanente;
  • si inserisce in strutture ed enti, comprendendo il proprio ruolo, e sapendo collaborare, nell’ambito del lavoro d’équipe, al progetto collegialmente costruito sull’utente. Ciò significa saper dare conto in modo congruo e puntuale ai diversi operatori coinvolti, in ordine al percorso che il singolo utente affidatogli sta compiendo attraverso la Danzaterapia Clinica. Può svolgere, se in possesso dei requisiti precedentemente esposti per il Terapeuta primario, la libera professione.
  • svolge la propria pratica professionale in ambito pubblico e/o privato, nel rispetto della deontologia professionale e di quanto stabilito dal Codice Etico del Registro Professionale dei Danzamovimentoterapeuti Italiani.

L’IMPEGNO DI LYCEUM

Passione e Professionalità
Lyceum ha più di 20 anni di esperienza e si impegna con passione e professionalità nell’insegnamento di mestieri con un approccio olistico e professionale.

Formazione Completa e Pratica
Oltre alla teoria e ai concetti astratti, Lyceum pone grande enfasi sulle competenze psicologiche e sulle pratiche supervisionate. Queste sono fondamentali per imparare a gestire in autonomia e sicurezza i laboratori esperienziali ArtLab.

Supporto Continuo
Il supporto agli allievi, sia durante che dopo il percorso formativo, è un pilastro dell’offerta educativa di Lyceum, dimostrando un forte impegno verso il successo e il benessere dei partecipanti.

Innovazione e Aggiornamento Costante
Grazie agli investimenti continui, Lyceum mantiene i suoi programmi aggiornati con le ultime tendenze e tecnologie, come dimostra il suo sistema di formazione a distanza (FAD), che è pienamente funzionante e collaudato.

Insegnanti Qualificati e Motivati
Il corpo docente di Lyceum è composto da professionisti altamente qualificati e motivati, che garantiscono un livello di formazione elevato.


COME CI SI ISCRIVE?

Il primo passo è partecipare a un “Dance Experience”, un laboratorio esperienziale PROPEDEUTICO alla Formazione Triennale di Danzaterapia Clinica. Un modo per fare esperienza di cos’è la Danzaterapia Clinica, visitare la nostra scuola, incontrare le/i docenti e per ottenere tutte le informazioni necessarie per fare una scelta consapevole e chiarirsi ogni dubbio o curiosità.

Qui trovi le date disponibili dei laboratori PROPEDEUTICI alla formazione!

Oppure compila il modulo per fissare un colloquio orientativo o partecipare all’esperienza tematica in presenza


SEDE DEL CORSO

Le lezioni in presenza si terranno presso la sede di Lyceum di Via Calatafimi, 10 a Milano oppure online, con connessione da remoto su piattaforma zoom.

CALENDARIO E ORARI DELLA FORMAZIONE

Il Corso si tiene nei giorni di Sabato e Domenica + alcune giornate che potranno essere anche infrasettimanali, in cui saranno programmate le attività di tirocinio.
Le lezioni si tengono dalle ore 10.00 alle 17.30 con un intervallo per il pranzo.
L’Anno Formativo 2023-24 inizierà a Novembre 2023.


DOSSIER, PIANO ECONOMICO E CALENDARIO A.F. 2023-24
SCARICA IL DOSSIER 2024
COSTI A.F. 2024-25
CALENDARIO 2024-25

La Formazione Triennale in Danzaterapia Clinica di Lyceum Academy: cinque minuti per raccontarla attraverso le immagini e le parole.


 

Share: