È il mondo che ci sogna o siamo noi a sognare il mondo?

Una volta, un pittore di novant’anni mi disse che in questo film chiamato vita ha ricevuto un ruolo secondario, eppure non era riuscito ad interpretare bene neanche quello.
Dove siamo? Cosa è apparenza, e cosa è realtà?
In quale momento siamo sovrani della materia vitale, e in quale invece è la materia vitale a possederci?
Quando siamo individui sottomessi alle circostanze, e quando le circostanze ci portano alla sottomissione?  

Queste e tante altre domande turbavano, turbano e turberanno ancora l’umanità intera e ogni singolo individuo.
Cent’anni fa i dadaisti, futuristi e tanti altri “isti” cercavano le risposte nell’arte. La composizione delle opere d’arte, nel tempo, ha cambiato aspetto ed espressione, si è trasfigurata.
Il bisogno di uscire dai confini della realtà, di avvicinarsi ad un orizzonte possibile, ha portato alla nascita di movimenti poliformi che hanno annientato la staticità. Il vortice di linee e di colori che si muoveva in molteplici direzioni ha  frantumato lo spazio grafico e pittorico.
Ai pittori dell’epoca sembrava che non esistesse più il ritorno al realismo, che ormai fosse morto. Il tempo ci ha mostrato che non è stato così. Ma allora cosa è successo?

Nel nostro seminario cercheremo di approfondire queste metafore usando vari materiali artistici, attingendo al gioco e al teatro, e creeremo perfino un film immaginario.


DESTINATARI

Il seminario si rivolge ad arteterapeuti, psicologi e psicoterapeuti, docenti e diplomandi, ma anche a persone che, pur non avendo una specifica competenza artistica, desiderino sperimentare il particolare approccio all’arte di Elena Makarova, colei che ha attentamente ricostruito il metodo di Friedl Dicker Brandeis, insegnante d’arte per i bambini del campo di concentramento di Terezin.
L’obiettivo di queste giornate è promuovere l’autoespressione e la libertà della persona, attraverso un’esperienza artistica che può unire il gesto, il movimento, la respirazione, il gioco, la relazione con gli altri, alla ricerca di una più generale armonia.


Мы снимся миру или мир снится нам?

Жизнь – это сон? 

Как-то девяностолетний художник сказал мне, что в этом кино, называемом жизнью, ему дали второстепенную роль, да и ту он не смог сыграть как следует. 

Где мы? Что нам кажется, а что есть на самом деле? 

Где мы властелины материала жизни, а где материал жизни владеет нами? 

Где мы подчиненные условиям индивидуумы, а где условия подчиняют нас себе  

Эту метафору мы и попробуем раскрыть семинаре, пользуясь различными художественными материалами, прибегая к игре, театру и даже съемкам воображаемого фильма.


CONDUCONO

Elena Makarova,

artista, critico d’arte, scrittrice di prosa, storica, biografa, autrice di documentari e curatrice di mostre. Nata a Baku, in Azerbaijan, ha vissuto a Mosca, dove insegnava arte ai bambini di una scuola sperimentale. Trasferitasi in Israele nel 1990, ha lavorato come insegnante d’arte al Museo d’Israele a Gerusalemme. Considera ispiratrici e maestre Edith Kramer e Friedl Dicker Brandeis. A Friedl Dicker Brandeis (1898-1944), grande artista e pedagogista della Scuola del Bauhaus, uccisa ad Auschwitz, ha dedicato molti anni di lavoro e di studio ricostruendo la particolare metodologia da lei utilizzata nei laboratori d’arte rivolti all’infanzia e tenuti nel campo di transito di Terezin. Alla stessa artista ha dedicato una biografia dal titolo “Friedl-Dicker-Brandeis. Una vita nel nome dell’arte e dell’insegnamento”, pubblicato nel 1999 in tedesco e tradotto in inglese, ceco, francese e giapponese e un romanzo biografico in lingua russa dal titolo “Friedl”, pubblicato nel 2012. Ha al suo attivo circa 50 titoli, pubblicati con alcune Case Editrici russe, i cui temi toccano l’arte e la storia dell’Olocausto ed includono volumi in prosa, quali la raccolta di racconti tradotti anche in lingua italiana “Le erbe di Odessa” (Edizioni La Tartaruga). Molti sono i testi di arteterapia da lei scritti, con cui ha descritto il particolare e personale approccio che caratterizza i suoi laboratori, tra questi gli ultimi sono “Liberate l’elefante” e “Il movimento definisce la forma”. Curatrice di 40 mostre internazionali, ha realizzato numerosi documentari dedicati alla storia e all’arte. La sua mostra più recente, “Tremila destini”, dedicata alla tragica storia dei trasporti di ebrei dal lager di Terezin a Riga (1942), ha avuto come designer la figlia Maria Makarova e si è tenuta nella capitale lettone nel 2014. Membro del Pen Club Internazionale e dell’Unione degli Scrittori della Federazione Russa. E’ stata insignita del premio “Il migliore libro scritto non in ebraico”(1966) e della medaglia d’onore dell’Associazione Janusz Korszak a Gerusalemme (2005). Attualmente vive in Israele, ma conduce percorsi di arte e arteterapia in Italia, Russia, Ucraina, Germania, Svezia, Israele e Repubblica Ceca.

Maria Makarov,

pittrice, artista free-lance, designer ed insegnante d’arte.
Nata a Mosca, si è ben presto trasferita in Israele con la famiglia. A Tel Aviv ha studiato Design e Comunicazione e ha seguito corsi e percorsi d’arte e arteterapia con Edith Kramer e alcuni famosi artisti israeliani.
Sempre a Tel Aviv, ha condotto laboratori artistici rivolti a bambini provenienti da famiglie disagiate. In Israele ha proposto due mostre personali: “Il periodo di Florentin” presso il Museo di Arte Russa Maria e Michail Zetlin a Ramat Gan (2010) e “Ciao Tel Aviv-Jaffa!” presso il Centro Culturale Fishka a Tel Aviv (2012).
E’ stata designer di 7 mostre d’arte in Israele, Repubblica Ceca e Lettonia, tra cui la mostra “Tremila destini”, dedicata alla tragica storia dei trasporti di ebrei dal lager di Terezin a Riga nel 1942, realizzata dalla madre Elena Makarova e tenutasi nella capitale lettone nel 2014.
Dal 2012 vive e lavora a Padova, dove si dedica attivamente alla pittura e alla grafica, impartisce privatamente lezioni d’arte e lavora come interior designer.
Insegna online dal 2010 e promuove le sue molteplici attività sul suo sito https://www.mariamakarovart.com/

SITI

http://elena-makarova.info/forum/
http://www.makarovainit.com/
https://www.facebook.com/pages/Elena-Makarova-Universe/420144308075980
http://forum.mykanon.com/index.php
http://makarovainit-ru.livejournal.com/

DATE

Il Workshop si svolgerà Sabato 28 e Domenica 29 Maggio 2022 dalle 10.00 alle 17.30

SEDE

Lyceum, Via Calatafimi, 10 – 20122 Milano

COSTO

200,00 Euro, comprensive di assicurazione e materiali
150,00 Euro – Prezzo riservato a Diplomati Formazioni Lyceum
30,00 Euro – Prezzo per bambini fino a 12 anni


HAI LA CARTA DEL DOCENTE?

Puoi pagare questo corso utilizzando il bonus della carta del docente. Vai su https://cartadeldocente.istruzione.it/ e genera un buono dell’importo previsto scegliendo la tipologia “FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO” – “Enti accreditati/qualificati ai sensi della Direttiva 170/2016”. Il PDF del buono generato potrà essere allegato nell’apposita sezione del Form di iscrizione Online.

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Chiamaci al numero 02/2316 8407 o clicca su “contattaci” per aprire il form.

ATTESTATO

Verrà rilasciato un attestato di frequenza valido per l’aggiornamento a tutti i partecipanti.

Share: