SOGNARE INSIEME. Un’esperienza condivisa da arteterapeuta e paziente.

SOGNARE INSIEME. Un’esperienza condivisa da arteterapeuta e paziente.

Autunno 2020: Galleria d’arte irregolare GLIACROBATI, Torino


SOGNARE INSIEME. Un’esperienza condivisa da arteterapeuta e paziente.
Autunno 2020: Galleria d’arte irregolare GLIACROBATI, Torino

La mostra esporrà opere prodotte da utenti durante i percorsi di tirocinio di Lyceum, accanto alla risposta artistica dei loro arteterapeuti.

La mostra vuole portare la riflessione su quella intensa attività in cui arteterapeuta e paziente “sognano insieme” attivando un inconscio terapeutico comune, un’istanza che possiede tratti sia del terapeuta che del paziente e che può guidare verso la guarigione.


Premessa:

La mostra vuole portare la riflessione sull’approccio “arte come terapia” e sulla particolare “relazione triangolare mediata” che viene a crearsi tra paziente, arteterapeuta e opera, dove l’opera realizzata dal paziente integra aspetti che appartengono sia al paziente che al terapeuta. Tutto ciò fa riferimento a quella intensa attività in cui arteterapeuta e paziente “sognano insieme” attivando un inconscio terapeutico comune, un’istanza che possiede tratti sia del terapeuta che del paziente e che può guidare verso la guarigione.

  • Benedetti G. (1992), La psicoterapia come sfida esistenziale, Cortina Editore, Milano;
  • Ogden T.H. (2007), “On talking-as-dreaming”, in Intern. J. of Psycho-Analysis, 88: 575589; tr. it. “Sul parlare come sognare”, in Riscoprire la psicoanalisi, 21-47, CIS Editore, Milano, 2009.
  • Cipriani W., Gandini M., La relazione triangolare mediata, Dispensa Lyceum 2016

Finalità:

Evidenziare come il transfert del paziente e il controtransfert del terapeuta siano dinamicamente in comunicazione, attraverso una potente comunicazione inconscia che viene resa visibile dall’opera realizzata dal paziente.

Obiettivi:

  • Dare vita ad una mostra che spinga a riflettere sulla relazione paziente/arteterapeuta.
  • Avvicinare gli arteterapeuti in formazione all’arte irregolare.
  • Creare un’occasione di incontro e condivisione tra la Formazione in Arteterapia Lyceum e la Galleria Gliacrobati.
  • Accompagnare gli arteterapeuti in formazione nel processo che porta all’esposizione dei propri lavori e dei lavori dei propri pazienti.


Esposizione:

Ogni arteterapeuta partecipante porterà in mostra una o più opere di un paziente prescelto per l’intensità comunicativa che ha contraddistinto il suo percorso arteterapeutico ed anche almeno un’opera personale realizzata in risposta al percorso del paziente.

Per i percorsi di tirocinio, accanto alla coppia paziente/arteterapeuta sarà possibile affiancare anche un elaborato artistico realizzato dal Supervisore, per offrire uno sguardo approfondito sulla particolare triade paziente/arteterapeuta/supervisore.

L’esposizione potrà essere accompagnata da un momento di riflessione sulle tematiche sopra esposte. Potrebbero eventualmente partecipare al dibattito alcuni neodiplomati che nella loro tesi hanno affrontato tali tematiche.

Non è necessario che le opere debbano avere una cornice formale, ma dovranno essere adeguatamente presentate, in ordine e preferibilmente fissate ad un supporto di cartoncino o con passepartout.


 

I diplomandi e diplomati in Arteterapia Lyceum che intendono partecipare all’iniziativa possono compilare il form sottostante e scaricare il modello di Liberatoria da far firmare agli autori delle opere o dagli eventuali tutori.

 

Share: